top of page

Ciao, sono Bob!

Quando mi iscrissi alle Belle Arti sognavo di diventare un pittore.
Crescendo ho trovato nella “settima arte” la mia strada.
E così, dopo un master alla Sapienza, iniziai a lavorare sui set
passando per diverse esperienze televisive.
Il primo contatto col mondo del giornalismo fu casuale ma mi travolse:
regia, fotografia, narrazione, montaggio…praticamente un sogno.
E oggi posso annoverare decine di reportage, in Italia e all’estero.
Ho viaggiato molto e ho catturato momenti e immagini incredibili:
la guerra in Ucraina, il conflitto afghano, i viaggi della speranza verso il sogno americano…e poi Siria, Cecenia, Guatemala, Grecia, Albania, Venezuela.
Molti scenari internazionali hanno offerto materiale per i miei video.
Ma se mi chiedete quale sia la mia passione, il mio Eden,
risponderò sempre e senza esitare:
“Nulla raggiungerà mai i colori del mio Messico, terra incantevole,
ricca di paesaggi mozzafiato e contrasti spaventosi,
grondante di storie da raccontare e avventure da vivere.”

                                                                                                Roberto Di Matteo
  • LinkedIn
  • Instagram
  • Facebook
  • Whatsapp
1662390562146.jpg

Premi

If You Born Tzeltal

This is the story of a girl born and raised

in an indigenous village where reality and dreams

coexist without ever meeting.

Burrnesh, the sworn virgin

In medieval Albania, in order to escape patriarchy

or for family motivations, the women could choose to become a man by renouncing to their sexuality forever. These were the "burrnesh". Times have changed today and the burrnesh have almost disappeared. This is the story of Lali, the last burrnesh.

Guerrilla Permanente

It might almost seem that the zapatista revolutionaries

have achieved their goal by conquering

their corner of paradise

in one of the most beautiful places in the world.

But the reality is different.

Outside the eleven large strongly militarised caracoles,

there are about 2,000 other indigenous-occupied enclaves

where everyday life takes place in a state of

permanent guerrilla warfare,

fighting for a piece of land or a watercourse

in extreme poverty.

bottom of page